Pubblicato 14:44 - da Redazione con 0 commenti

I nuovi dati sul lavoro nell'area Ocse. La Grecia meglio dell'Italia

La disoccupazione in Italia proseguirà nel suo trend negativo fino al 2015. E' aumentato e aumenterà il precariato, così come lo scarto tra percorso di studi e professione svolta da lavoratori. E, tanto per addolcire la pillola, sembra che il mercato del lavoro italiano sia l'unico a non essere migliorato rispetto al 2013, a differenza di Paesi come Spagna, Portogallo o addirittura la tanto "martoriata" Grecia. Dati inquietanti ma statisticamente incontrovertibili visto che arrivano direttamente dall'Ocse, l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che ha appena pubblicato uno studio riguardante la crescita del lavoro nell'area Ocse per il 2015.



Secondo le previsioni, in Italia il tasso di disoccupazione salirà fino a fine anno toccando quota 12,9% per calare al 12,2% solo nel 2015. I dati più preoccupanti riguardano i giovani, con un tasso di disoccupazione oltre il 40%, (prima della crisi erà della metà), sempre più "costretti" a partite Iva e lavoro precario. Qualche dato? Nel 2013 il 52,5% degli under 25 ha avuto un lavoro precario. Prima della crisi, nel 2007, questo dato era del 42,3% e nel 2000, sembra inverosimile, del 26,2%!

Altro dato impressionante è quello relativo ai lavoratori che hanno un impiego non in linea con gli studi fatti. Il 70% degli occupati svolge una professione che non ha nulla a che vedere con il proprio titolo di studio!

Calano invece i contratti di collaborazione (co.co.co. o co.co.pro.). A quanto pare la Riforma Fornero deve aver reso meno conveniente per le aziende il ricorso a queste fattispecie contrattuali.

A livello internazionale, ecco a grandi linee la situazione fotografata dall'Ocse. Tra i 34 Paesi membri si contano circa 45 milioni di persone senza lavoro, quasi 12 milioni in più rispetto al periodo pre-crisi. Confrontando i nuovi dati della disoccupazione con quelli del 2013, l'Italia ha perso una posizione a favore dell'Irlanda, dove il tasso è sceso dal 14,5% al 12%.

Emerge poi un altro primato tutto italiano: il nostro è l'unico paese dove il tasso di disoccupazione rispetto all'anno scorso è aumentato. Pazzesco, basti pensare che sono diminuiti i disoccupati in Grecia, in Spagna, in Portogallo e in Slovacchia!

I primi della classe in termini di tasso di disoccupazione? Norvegia a quota 3,3%, Giappone 3,5%, Corea del Sud 3,7%, Austria 4,7%, Svizzera 4,8%, Messico 4,9% e Germania 5,1%. Incredibile, soprattutto se si considera che Austria e Germania fanno parte del sistema economico europeo!

Per consultare tutti i dati e i grafici cliccare sul link che segue:
I NUOVI DATI SUL MERCATO DEL LAVORO NELL'AREA OCSE


0 commenti:

Posta un commento